Jean_Dupuy_The_hair1990_installazione14 aprile – 30 giugno 2016

Bernard Heidsieck (Parigi, 1922-2014), Jacques Spacagna (Parigi, 1936-1990), Jean Dupuis (Francia, 1925): tre testimoni delle ultime utopie avanguardistiche, come sono state la Poesia Sonora, il Lettrismo, Fluxus. Tre autori che hanno indagato il valore della parola nelle sue potenzialità implicite, quando questa ha perso il suo significato ed è rimasta come puro suono, scintilla musicale. Il loro intervento è contro il modernistico prevalere del testo scritto e stampato, per rivendicare orgogliosamente l'oralità e la ricerca fonetico-sonora quale recupero e rilancio del potere arcaico del verbo, a partire dalla grande tradizione omerica o aedica.

L'opera di Heidsieck richiama la sperimentazione del Futurismo ("Le parole in libertà" di Marinetti, "I rumori plastici" di Balla). Ma si spinge ancora più avanti: in poesia rompe alla lettera la lingua; nel collage mescola frammenti verbali e visivi. L'obiettivo è quello di creare un progetto poetico, aperto alle più diverse intenzioni linguistiche e performative. Nei nove lavori su carta presenti in mostra si intrecciano testi e bande magnetiche, tracciati grafici e microcircuiti: è la visualizzazione di una sonorità virtuale, di una strumentazione elettronica che dilata "Il potere della parola". Spacagna cerca la dimensione prima e primaria di ogni espressione umana. Come faceva Isidore Isou, scompone la parola e separa le lettere tra

powered by social2s
Verona_medievaleGianni_Ainardi_part._locandina1 - 31 marzo 2016, Protomoteca Biblioteca Civica

A due anni dalla prima esposizione monografica sull'opera di Gianni Ainardi dedicata a Verona Romana, ritornano in Civica i disegni originali dell'autore a raccontarci, oggi, la Verona medievale e scaligera. La mostra «Verona medievale e scaligera nei disegni di Gianni Ainardi. La Storia, il tratto, il colore» (presentazione alla Stampa, giovedì 3 marzo alle ore 11.30, Sala Teologia della Biblioteca Civica di Verona, via Cappello, 43), è l'appuntamento che apre la V edizione di Open. Ingegneri aperti alla città, ...

... la rassegna culturale promossa dall'Ordine degli Ingegneri di Verona e dedicata quest'anno al tema della Città e del Paesaggio e alle loro trasformazioni nel tempo. Il percorso sulla metamorfosi e rigenerazione del costruito guarda dunque alla "città di ieri" per saper meglio cogliere e "governare" i mutamenti contemporanei.

Alla presentazione intervengono: Antonia Pavesi, consigliere incaricato alle attività culturali del Comune di Verona, Filippo Toso, consigliere dell'Ordine degli Ingegneri di Verona e provincia, coordinatore dell'iniziativa, Gian Maria Varanini, docente di Storia medievale all'Università degli Studi di Verona, curatore della mostra Presente il figlio Fabrizio Ainardi.

powered by social2s
Antonio_Salfilippo_pp

12 dicembre 2015 - 1 marzo 2016, Galleria Dello Scudo, Verona

Il percorso della mostra, suddiviso in tre sezioni, testimonia quel periodo decisivo della ricerca di Antonio Sanfilippo che va dalle aspirazioni giovanili a un rinnovamento formale all'espansione pluriforme del segno negli anni '60. Si apre con tre lavori del 1951 in cui si riconosce il progressivo allontanamento dal linguaggio neocubista e lo spostamento verso un'astrazione più radicale, di stampo neoconcreto. Un cambio di direzione documentato da Azzurro, uno dei primissimi dipinti del 1951.

Influenzato dall'opera matura di Kandinsky e di Hartung, nel 1953 Sanfilippo libera la struttura dei suoi quadri dalla rigidità delle forme geometriche, lasciando spazio a una gestualità più accesa che anima improvvisamente la superficie delle sue tele, come nel primo Senza titolo del 1953 trovando un suo modo del tutto originale.

La mostra, a cura di Fabrizio D'Amico e Francesco Tedeschi, e organizzata in collaborazione con l'Archivio Accardi Sanfilippo di Roma,  presenta trentasei selezionati dipinti (realizzati tra il 1951 e il 1960) che illustrano il percorso dell'artista che, dopo i primi lavori astratto-geometrici, giunge all'elaborazione di quel suo 'segno' inconfondibile, proliferante e sorvegliato al tempo stesso, che alla metà degli anni '50 si manifesta in stretta sintonia con la cultura d'immagine dell'art autre di Michel Tapié, poetica allora dominante

powered by social2s
Van_Gogh_part
28 ottobre 2015 - 1 marzo 2016, Palazzo della Gran Guardia, Piazza Bra, Verona
In anteprima europea, la mostra Seurat-Van Gogh-Mondrian.Il Post Impressionismo in Europa con 70 capolavori provenienti dal Kröller Müller Museum di Otterlo (Olanda), promossa dal Comune di Verona e con il supporto della Fondazione Arena, curata da Stefano Zuffi e organizzata da Arthemisia Group. In mostra, sempre con la collaborazione del Kröller Müller Museum, anche gli esperimenti scientifici sul colore, dai processi ottico-visuali e alla fotografia, la cui invenzione è legata strettamente alla tecnica divisionista.
 
Il percorso espositivo racconta la svolta che avviene tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, quando le sorprendenti tele di George Seurat e di Paul Signac aprono una pagina nuova nella storia dell'arte.

Orario: da lunedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30)
 
Previste aperture straordinarie nei giorni:
 
8 dicembre 2015: orario regolare
24 e 31 dicembre: dalle 9.30 alle 17.30
25 dicembre: dalle 14.30 alle 19.30
26 dicembre: dalle 9.30 alle 19.30
1° gennaio 2016: dalle 12.30 alle 19.30
6 gennaio 2016: dalle 9.30 alle 19.30
 
Costo del biglietto intero € 13,00 (audioguida inclusa)
 
Catalogo 24ORE Cultura - Gruppo 24ORE.
 
Altre info sul sito dedicato alla mostra
 
In foto: particolare di un'opera di Van Gogh del
powered by social2s
Miniscalchi_Erizzo_Collezione_Agi_Pratchaia_Phintong
Periodo vivace per l'Arte Contemporanea a Verona, quello che va da inizio ottobre a novembre. Come in tutta Italia si festeggia la Giornata del Contemporaneo (quest'anno il 10 ottobre): un'occasione per lanciare mostre od eventi straordinari, spesso gratuiti, come le visite guidate). Le gallerie private riprendono, come ogni anno, dopo la pausa estiva, e ArtVerona (16-19 ottobre, padiglioni 11 e 12 della Fiera), si presenta sempre più come manifestazione ricca di proposte e progettualità.
ArtVerona, al di là degli ambiti espositivi, promuove una serie di iniziative e di mostre che coinvolgono l'intera città: spazi che normalmente hanno una vita propria, ma che guadagnano una ribalta inedita proprio attraverso la contaminazione con l'arte moderna e contemporanea. Alcune collaborazioni sono ormai consolidate come quella con il Museo di Castelvecchio che quest'anno ospita Opere dalla Collezione Stellatelli a cura di Beatrice Benedetti e Paola Marini (11 ottobre – 13 dicembre 2015), o come la Protomoteca della Biblioteca Civica dove si tiene la rassegna di videoarte a cura di Elisa Fantin La giraffa bianca 11 artisti internazionali, che si interrogano sul tema del viaggio come immaginazione (10 – 1 ottobre 2015) e come l'Accademia di Belle Arti con l'esposizione ArtVeronaYoung (16-19 ottobre 2015) che intende avvicinare i giovani al "saper vedere".
Andrea Bruciati, il direttore artistico
powered by social2s
Palazzo_della_Ragione_Verona_pp

Porte aperte gratuitamente in ogni angolo del Paese, per presentare artisti e nuove idee attraverso mostre, laboratori, eventi e conferenze. Un programma multiforme che regalerà al grande pubblico un'occasione per vivere da vicino il complesso e vivace mondo dell'arte contemporanea, in occasione della undicesima edizione della Giornata del Contemporaneo indetta da A.M.A.C.I., Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani. Per l'occasione, a Verona, il 10 ottobre 2015 l'ingresso alla Galleria d'Arte Moderna Achille Forti a Pa­lazzo della Ragione sarà gratuito e saranno offerte visite guidate gratuite alle ore 15:00, 16:00 e 17:00.

Si ricorda che ogni prima domenica del mese, dal 4 ottobre 2015 ad aprile 2016, l'ingresso a Palazzo della Ragione sarà di 1 euro. Il biglietto include la visita alla GAM Achille Forti e alla Torre dei Lamberti. Infine, a partire dal 3 ottobre fino al 26 dicembre 2015, ogni sabato alle ore 16:00 verranno offerte visite guidate incluse nel prezzo del biglietto di ingresso alla Galleria.
 
La GAM Achille Forti dunque offre un'occasione importante per i cittadini vero­nesi, ma anche per il folto pubblico internazionale che ogni giorno percorre le strade della città scaligera, di intraprendere un viaggio alla scoperta di più di cent'anni di storia dell'arte italiana, dall'Ottocento risorgimentale fino ai grandi movimenti dell'arte astratta del secondo dopoguerra, di
powered by social2s