Lunedì, 04 Marzo 2013 09:30

LOUISE BOURGEOIS: Falli, Ragni e Ghigliottine In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

In questo blog, come sapete, scrivo di cose legate all'arte, più spesso all'arte contemporanea, che mi coinvolgono e che voglio condividere. Di solito sono concisa ed evito di precisare se, ad esempio, la mostra che segnalo l'ho visitata oppure no. In questo caso non posso fare a meno di dirlo e voglio condividere anche un'emozione. Ho visto ieri pomeriggio, al Teatro Laboratorio di Verona, lo spettacolo teatrale dal titolo "Louise Bourgeois: Falli, Ragni e Ghigliottine" scritto e diretto da Luca De Bei e interpretato da Margherita Di Rauso. Sono stati 50 magici minuti!  Dopo lo spettacolo, durante una chiaccherata, l'attrice Di Rauso ha dichiarato "l'opera è stata scritta da De Bei di getto, in 15 giorni, pensando a me come interprete ...". Non conosco la produzione di De Bei, ma questo è un lavoro felice e nato sotto una buona stella. A mio parere lo spettacolo tiene anche sui tre livelli di lettura possibili:

- quello di un conoscitore dell'opera della Bougeois ed è evidente il perchè: lo spettatore ha ben presente il lavoro, visualizza le opere ancor prima che vengano descrittte, e trova conferme sulle motivazioni interiori dell'artista americana,

- quello di un saltuario frequentatore di arte contemporanea perchè trova esplicitate le complesse motivazioni che possono portare alla produzione di un'opera, di una scultura.Il monologo che la Di Rauso porta in scena è stato costruito su dichiarazioni scritte e interviste della stessa Bourgeois,

- quello di un abituale fruitore di teatro, magari totalmente digiuno di arte contemporanea, perchè può semplicemente apprezzare la recitazione della Di Rauso e seguirne le riflessioni proposte dal testo non come fatti personali, circonstanziati, di questa scultrice di successo, ma come se l'opera teatrale si riferisse alla vita di una qualsiasi donna che si emancipa attraverso il lavoro.

Louise Bourgeois è nata a Parigi nel 1911 e morta a New York nel 2010.

Il mio augurio è di vedere presto quest'opera nei circuiti museali, nelle scuole d'arte... Un'opera così fa bene al teatro, all'arte contemporanea ..ha fatto bene a me, forse lo farà anche a voi!

Letto 2398 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Settembre 2017 12:58
Il Blog di Mara

"Parole e immagini" potrebbe essere il leitmotiv di questo blog. Parole perchè si tratta sempre di pensieri stringati, minimi, appuntati su eventi che ho vissuto o che mi hanno stimolato. Immagini, perchè quelle scelte sono in maggioranza “immagini” derivate dal mondo dell'arte contemporanea per tanti anni il mio ambiente lavorativo (presso Giancarlo Politi Editore). Un “mondo”, l'arte contemporanea, che è una delle passioni che condivido con mio marito Luigi Meneghelli (critico d'arte): un mondo fatto di immagini fisse e in movimento, di contaminazioni, di luoghi... di persone.

www.veronalive.it
Devi effettuare il login per inviare commenti